Esempi di Amore in azione, Servizi, note di meditazione

“I 100 anni delle Perle”

 

 

Dronero (Cn), 18 agosto 2013 - 

 

Da 100 anni, presso la Casa Divina Provvidenza del bel paese all’imbocco della Valle Maira, le Figlie della Carità si prendono cura di quei grandi tesori che sono le loro ospiti: donne con disabilità mentale e fisica, le “Perle” appunto. Alcune di loro hanno trascorso l’intera vita con le nostre Sorelle.

 

Qui, a seguire,  l’annuncio dei festeggiamenti, poi vi daremo notizie più dettagliate: www.corrieredisaluzzo.it/I-100-anni-delle-Perle

 

 

Comunità all'opera | News | On line

3 Commenti per ““I 100 anni delle Perle”

  1. Buongiorno gent.me suore, mi chiamo Di Meo Antonio ed abito a Rivalta di Torino. Una mia cara amica mi ha dato lo spunto per rivolgermi a Voi per chiederVi aiuto e Vi sarei molto grato se mi tendeste la Vostra mano. Ho dei bellissimi ricordi d’infanzia per il tempo trascorso dalle suore a Collegno, perchè è lì che sono nato 47 anni fa e sono cresciuto frequentando sia l’asilo in via XXIV Maggio a Collegno, sia l’oratorio di viale Gramsci a Grugliasco. L’aiuto che gentilmente Vi chiedo è per la mia cara Mamma che abita a Collegno ormai da sola, perchè circa 3 anni fa il mio caro Papà ha finito di soffrire per un brutto male ed ora riposa in pace in cielo. La mia Mamma che si chiama Graziella, da allora ha avuto un grosso calo della sua malattia, ovvero la demenza senile / Alzaimer con una base depressiva. La Mamma oggi ha 81 anni ed è una donna molto attiva, al punto di non voler accettare la malattia e di non volere aiuto da nessuno, lei è una donna molto orgogliosa ed ha un carattere molto forte. Come potrete comprendere, la situazione è molto difficile e sia io che le mie 2 sorelle oltre ad essere in pena per lei, siamo molto preoccupati che le capiti qualcosa di brutto, perchè ripeto non accetta aiuti da nessuno. Abbiamo provato ad affiancarle una persona, ma lei dopo una settimana non l’ha più voluta ed è convinta di farcela ancora da sola. Questo aspetto è dovuto al fatto che lei ha ancora dei momenti di lucidità, ma ormai sono ben pochi e la malattia sta avanzando rapidamente. Sono a scrivervi affinchè Voi possiate in qualche modo convincerla da un lato e supportarci tramite una donna che possa starle al suo fianco durante il giorno, con le dovute cautele del caso. Vi ringrazio intanto per la Vostra gentilissima attenzione ed auspico una graditissima risposta.
    PS : oggi pomeriggio mi recherò in Via Nizza personalmente per cercare di parlare con qualcuno che possa aiutarci rapidamente.
    Antonio Di Meo

  2. Buongiorno, sig.Antonio, come d’accordo con lei, le Sorelle di Casa Santa Luisa hanno sentito una signora con molta esperienza che sarà liberà dopo il 28 agosto ed è disponibile per questa situazione così delicata. Tra pochi giorni potrà conoscerla e valutare il da farsi. Grazie della sua mail e auguri per la Mamma.
    Figlie della Carità Torino

  3. Gent.ma suor Cristina, leggo ora dopo aver parlato telefonicamente oggi con la gent.ma suor Maria Letizia ,che prontamente mi sta aiutando per cercare di risolvere questa delicata situazione.
    Per intanto Vi ringrazio di cuore per il concreto aiuto e supporto morale che state prestando.
    Con affetto
    Antonio Di Meo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>